L'informazione sul web

Articoli e approfondimenti sul tema Umidità

Come rimediare all’umidità in casa

 
umidità muri

I motivi per cui in dentro una casa compaia l’umidita nei muri sono riassumibili nelle seguenti casistiche.

L’umidità arriva grazie ad infiltrazioni d'acqua, che a sua volta arrivano da perdite o malfunzionamenti di elementi idraulici (possono anche essere solo le grondaie troppo vecchie). A differenza di altre manifestazioni di umidita, questa si manifesta con macchie o chiazze sul giallo dove l’acqua infiltrata ha svolto il suo effetto.

Tra l’altro se si nota che la macchia è ancora umida vuol dire che l’acqua sta ancora agendo, mentre invece se si è asciugata significa che l’effetto è ormai passato. Se si presenta il secondo caso si può poi procedere alle riparazioni casalinghe necessarie.

L’umidità di risalita nei muri

Occuparsi invece dell’umidità di risalita nei muri non è così semplice, spesso questa dipende da isolamento inadeguato e dall’acqua presente nel suolo che risale, grazie alla porosità dei materiali di cui sono composti i muri.

La conseguenza di ciò è l’efflorescenza, causata dai sali presenti nell’acqua, che hanno avuto un aumento della loro massa, intonaco che si stacca, sino ad arrivare a parti della struttura che si disgregano.
Da notare che se non ci si occupa di questo fenomeno in modo competente e prontamente, la cosa può peggiorare espandendosi, e sarebbe il caso di consultare qualche tecnico competente.
Il miglior suggerimento comunque è suddivisibile in due azioni, eliminare ciò che causa l’umidità e risistemare i muri danneggiati dalla stessa.

Le soluzioni potrebbero essere il rendere impermeabile la parte dei muri che è direttamente a contatto con la fonte dell’umidità, tramite rivestimenti specializzati, oppure iniettare nelle murature dei compositi impermeabilizzanti e che blocchino la traspirazione.

All’esterno dei muri deve essere invece applicato dell’intonaco macro poroso,  per poi dopo che i muri si sono asciugati, rimuovere questo e applicarne uno di tipo non a base cemento.

La nascita dell'umidità di condensa avviene quando si presenta un subitaneo cambio della temperatura, che trasforma il vapore acqueo in piccole gocce d’acqua che si spargono nell’ambiente.
Il vapore dipende dalla doccia, dal cucinare e persino dal respiro umano, mentre il calo di temperatura dipende da coibentazione inefficace, spifferi, non cambiare l’aria in casa o pitture che non favoriscono la traspirazione.
Questo tipo di umidità nei muri causa muffa, intonaco che si stacca e si sbriciola e legno che va a marcire.
Per rimediare bisognerebbe cambiare l’aria in casa con una certa frequenza, usare pitture traspiranti, migliorare la coibentazione.

Conseguenza dell’umidità di condensa è la muffa visibile nella sua forma di strato nerastro o verdastro, e dopo averne eliminato le cause bisognerebbe ripulire questa traccia di umidità nei muri, coi prodotti adeguati e eventualmente dopo questo ridare il bianco alle parti interessate.