Informati liberamente sul web!

Approfondimenti a tema "Tecnologia"

Stampanti 3D: il miglior sito dove acquistarle!

 

Fino a pochi anni fa avanguardia quasi fantascientifica della tecnologia, la stampa 3D è ormai entrata nell'immaginario quotidiano, grazie ad alcuni brand che ne hanno abbattuto i costi e ne hanno permesso una diffusione anche tra consumatori non professionali.
Dopo aver descritto in breve le caratteristiche delle stampanti 3D, andremo a scoprire alcuni dei modelli per uso domestico più diffusi ed economici, adatti per essere utilizzati anche da utenti occasionali!

1. La stampa 3D.
La tecnologia alla base delle stampanti 3d prevede la realizzazione di un oggetto tridimensionale a partire da un modello digitale, prodotto attraverso software appositi: questo file, in formato .stl, viene convertito ed inviato per l'elaborazione alla stampante 3D. E' necessaria l'installazione di un software dedicato per poter impostare i dati e i parametri della stampante, come lo spessore degli strati, la velocità di getto, ecc.
Il dispositivo, attraverso una tecnica nota come stereolitografia, partendo dal modello 3D, realizza una serie di porzioni in serie trasfersale: stampando ciascuna porzione, l'una in cima all'altra, la stampante crea letteralmente l'oggetto.
Ciò è possibile grazie al materiale utilizzato dalla stampante: l'inchiostro è sostituito da materiali (solitamente gesso, resine plastiche o altri polimeri) che si fondono con il calore prodotto da un fascio di elettroni o da una radiazione elettromagnetica irradiata dalla stampa, mentre un getto depone il materiale nei vari strati che andranno a comporre l'oggetto.
Nata originariamente nel campo ingeneristico, per la realizzazione di prototipi, e, in generale, per applicazioni di carattere industriale o scientifico, la stampa 3D è passata progressivamente ad un impiego legato all'intrattenimento o alla realizzazione di manufatti artigianali per la vendita al dettaglio. Non mancano esempi di impiego della stampa 3D nelle opere di alcuni artisti contemporanei.

2. Stampanti 3D domestiche: le offerte di Iperprice.
Vista l'evoluzione delle funzioni per cui possono essere utilizzate le stampanti 3D, non stupisce la varietà di modelli e, soprattutto, di prezzi in cui sono disponibili in commercio.
I modelli più grandi, efficienti e costosi sono sicuramente quelli destinati ad un utilizzo di tipo industriale. Accanto a questi, negli ultimi anni si è affermata anche una gamma di stampanti per esigenze didattiche o di intrattenimento, adatte alle piccole imprese o all'utilizzo personale.
Oggi esistono anche stampanti destinate all'uso domestico, grazie ad un progressivo incremento dell'offerta e all'impiego di tecnologie più avanzate (come i modelli a doppio estrusore), che ne hanno consentito l'abbattimento dei costi.
Ad esempio, Iperprice offre una serie di modelli di stampanti ad uso domestico, come le XYZPrinting, accomunate dalla tecnologia FFF (a fusione di filamento) e differenti tra loro per grandezza, tipo di colore rilasciato dal getto e di materiale utilizzato. I modelli Da Vinci, in particolare, sono particolarmente indicati per l'utilizzo didattico e da parte dei principianti: esse vi consentiranno di realizzare giocattoli, pupazzetti, materiali educativi o anche piccole opere d'arte.

3. Una soluzione professionale, ma economica.
Se, invece, pensate che la tecnologia delle stampanti 3D possa diventare un business, ma non avete a disposizione grossi capitali da investire, esiste una soluzione professionale, ma comunque alla portata.
La stampante che fa per voi è il modello HP Jet Fusion 3D 4200: questo dispositivo deposita l'inchiostro utilizzando 30.000 ugelli, permettendo la miscelazione dei colori durante la stampa e affiancando il dispositivo di altre interessanti caratteristiche, come la connessione Bluetooth.
Si tratta, chiaramente, di un modello consigliato a chi pianifica di realizzare oggetti in serie, o necessita di uno strumento professionale per la realizzazione di prototipi; a differenza delle stampanti per uso domestico, quindi, richiede una conoscenza di base dei software da impiegare e locali appositi per il suo utilizzo.