Informati liberamente sul web!

Approfondimenti a tema "Commercio e prodotti"

Perché e come fare per sbloccare uno smartphone Apple iPhone

 

sbloccare iphone apple

Qualsiasi modello di iPhone viene rilasciato dalla casa madre con restrizioni di fabbrica che impongono agli utenti acquisti effettuabili esclusivamente nello store ufficiale. Per svincolarsi è necessario sbloccare il dispositivo, pratica diffusissima ormai in tutto il mondo ed effettuabile sia su gli iPhone sia su tutti i dispositivi mobili dell'Apple.
Molti avranno sentito parlare in modo positivo da chi ha già effettuato la modifica, soddisfatti di poter scegliere liberamente e godere interamente di contenuti alternativi con il privilegio di personalizzare ogni applicazione e scaricare liberamente software o programmi vari.

Com'è possibile lo sblocco iPhone e a cosa serve

Essenzialmente si tratta di apporre una modifica al sistema operativo che riconoscendo anche gli store non ufficiali non limiterà le scelte e soprattutto si riusciranno ad installare fonti sconosciute di terze parti perfettamente funzionanti.
Il timore di danneggiare in qualche modo il dispositivo è remoto, la procedura di sblocco iPhone è estremamente semplice, anche chi non ha familiarità tecniche può affrontare da se l'intera operazione.
Chi è veramente all'asciutto di nozioni software-hardware e non si sente di metter mano nel proprio device può rivolgersi in un centro tecnico che penserà al come sbloccare efficacemente l’iPhone e restituirlo in men che non si dica al legittimo proprietario completamente libero da restrizioni.
Il Jailbreak non è definitivo, se per qualche motivo si notano rallentamenti, malfunzionamento e crash frequenti possiamo riportare l'iPhone alle impostazioni di fabbrica e ripetere la procedura di sblocco tutte le volte che lo riteniamo opportuno.

Il sistema operativo iOS è in continua evoluzione, oggi ha raggiunto la versione 8.1 e in cantiere c’è già aria di novità per nuovi aggiornamenti futuri.
Ogni versione ha bisogno di un software specifico per consentire lo sblocco iPhone, per chi vuole apporre modifiche è indispensabile attendere che gli sviluppatori, spesso team di hacker espertissimi, rilascino i tool per la procedura.
Naturalmente, per proteggere il marchio e l'interesse dell'azienda, l’Apple cerca di contrastare la pratica diffusissima di “Jailbreakkaggio” introducendo sofisticati codici di controllo rendendo in questo modo sempre più difficile "rompere" le restrizioni.
Gli smanettoni sanno che con l'avvento di ogni aggiornamento si prospetta l'ipotesi di dover aspettare alle volte anche diversi mesi prima di riuscire a capire come sbloccare iPhone e rimandano il rinnovamento a quando sono sicuri che un nuovo e testato Jailbreak venga stato rilasciato.

Che vantaggi porta lo sblocco completo dell’iPhone?

Innanzitutto la libertà di poter disporre di materiale infinito, tante applicazioni, temi, salvaschermo, utility e giochi non necessariamente prelevabili dall’Apple Store.
Sono diversi i negozi online paralleli a quello ufficiale, in rete si diffondono a macchia d'olio e anche se alcuni sono considerati inaffidabili con un po' di attenzione sarà semplice trovare ciò che cerchiamo senza danneggiare l'iPhone.
La compatibilità del software da utilizzare per sbloccare tutti i dispositivi mobili Apple è una realtà che si aggiorna di ora in ora, ormai molti hanno capito che possono ottenere molto di più da un iPhone o dall’ iPad e non si accontentano più esclusivamente da quello che offre lo store ufficiale.
Oltretutto chiunque può beneficiare gratuitamente del pacchetto software per sbloccare i propri dispositivi, la procedura non presenta difficoltà e la stabilità del programma è soddisfacente.
Che cos'è esattamente il Jailbreak?
Jailbreak è il termine usato, ormai con disinvoltura da tutti, per definire il processo di sblocco iPhone, eludere ogni restrizione imposta e avere la piena libertà di scegliere dove prelevare software vario senza necessariamente passare attraverso i canali ufficiali.
Il più diffuso App Marketplace è Cydia, un'infinita fonte di risorse e inequivocabile icona che appare sullo schermo dopo aver apportato la modifica al dispositivo.
Cliccando Cydia si avvia un processo indipendente, la schermata iniziale mostra le varie funzionalità del programma, tra cui la possibilità di aggiungere sorgenti, le reposity sono risorse che ampliano i canali dove giochi, applicazioni varie e temi offrono scelte infinite.
Con un iPhone sbloccato si può scegliere in quale store accedere, niente è pregiudicato, possiamo tranquillamente continuare ad usare l'accesso ufficiale oppure cercare fonti alternative e aggiungerle al device in tutta tranquillità.

Ogni giorno il catalogo dell'Apple store si arricchisce di risorse, alcune offerte gratuitamente, altre a pagamento. Non sempre però gli acquisti si rivelano all'altezza delle aspettative, può accadere di non rimanere soddisfatti, ma ormai abbiamo pagato e nessuno ci restituirà la somma versata.
Senza approfittare dell'opportunità di avere un iPhone sbloccato possiamo preventivamente scaricare qualsiasi cosa, cerchiamo ciò che ci serve nello store alternativo, aggiungiamo la nostra fonte in Cydia e se siamo soddisfatti non lasciamoci ingannare dalla tentazione di truffare gli sviluppatori, acquistiamo regolarmente quello che impropriamente abbiamo sottratto e regoliamo l'acquisto versando la somma dovuta a chi offre la propria competenza in materia.
La pirateria è un male comune, lo sblocco iPhone non deve portare a danneggiare chi investe nel proprio lavoro ore e ore di studio, è giusto scaricare materiale, provarne la funzionalità, valutare per un determinato periodo di tempo le caratteristiche e se tutto ci soddisfa regolarizziamo l’acquisto. È assolutamente sbagliato approfittare in modo indiscriminato senza rispetto verso chi ha pieno diritto di incassare il giusto compenso.

Prima di effettuare lo sblocco iPhone accertiamoci di effettuare una copia di backup, in caso di problemi ci servirà per ripristinare il contenuto precedente.
Aggiorniamo lo smartphone usando iTunes, prendiamo nota della versione e scarichiamo il pacchetto per il Jailbreak idoneo. Disattiviamo, se impostato, il codice d'accesso e riavviamo il dispositivo.
Colleghiamo con il cavo USB l'iPhone al computer, aspettiamo che venga rilevato automaticamente e clicchiamo su Jailbreak, a questo punto il processo inizierà il suo lavoro.
Aspettiamo il tempo necessario e non impressioniamoci se sullo schermo appaiono messaggi indecifrabili, l'applicazione prevede vari passaggi che vengono visualizzati a video e qualche volta lo schermo si spegnerà.
Lo sblocco iPhone sarà completato con il riavvio del dispositivo e l'interfaccia presenterà la nuova icona di Cydia pronta per essere personalizzata e arricchita di migliaia di risorse.
Teniamo in considerazione che in qualsiasi momento è possibile riportare alle impostazioni di fabbrica il nostro iPhone, la procedura di sblocco non è definitiva, ogni nuovo aggiornamento annullerà la modifica e sarà necessario ripeterla per la versione specifica.