L'informazione sul web

Articoli e approfondimenti sul tema freeride in montagna.

Il freeride in montagna

 
scuola sci

Ci sono pareri controversi relativamente al freeride.
All’estero è molto praticato e accettato e non trova grosse opposizioni anzi hanno una qual certa popolarità.
In Italia è alquanto osteggiato, ritenuto pericoloso per la propria incolumità e per quella degli altri.

Si sostiene che sciare sulla neve fresca possa esser causa di valanghe.
Senza voler entrare troppo nel merito si tratta sicuramente di un’esperienza meravigliosa. Sciare fuori pista o freeride in inglese significa sicuramente provare delle emozioni fortissime e un forte contatto con la natura.

Arrivare fino alla cima di una montagna e poi scendere sciando sulla neve fresca e percorrendo forti dislivelli è di certo un’esperienza indimenticabile.
Certamente non è una pratica da prendere alla leggera né consigliabile ai neofiti dello sci. Occorre essere sciatori esperti e conoscere molto bene ciò che si affronta.

Si scende, infatti, affrontando forti dislivelli sciando su neve fresca, lontano dalle piste battute e spesso in solitudine e occorre quindi essere coscienti dei rischi ai quali si può andare incontro.

Per reiterare bisogna avere una certa preparazione specifica, un’ottima conoscenza della montagna e dei suoi ambienti e di una buona dose di sangue freddo.
Sarebbe inoltre buona norma non affrontare il fuori pista completamente soli ma avere  qualche fidato compagno di avventura.

In questo modo ci si potrà aiutare vicendevolmente in caso di difficoltà.
Occorre avere  con sé un qualche sistema di comunicazione per poter chiamare i soccorsi in caso di necessità.

Per quanto poi concerne la preparazione necessaria ad affrontare i fuori pista un’ottima idea sarebbe di far curare la propria preparazione da una scuola di sci.
Infatti presso una buona scuola di sci si possono apprendere un sacco di nozioni concernenti la disciplina del fuori pista o freeride.