L'informazione sul web

Articoli e approfondimenti sul tema SALUTE E BENESSERE.

Esercizi di Kegel: un utile modo per contrastare l’eiaculazione precoce.

 

Esistono tantissimi rimedi naturali, quindi senza l’ausilio di farmaci, per combattere il frequente disturbo dell’eiaculazione precoce tra gli uomini. Uno di questi sono gli esercizi di Kegel, ideati dal ginecologo statunitense A. Kegel al fine di migliorare il tono muscolare tramite il rafforzamento dei muscoli del pavimento pelvico.

La volontaria contrazione muscolare
L’eiaculazione precoce è uno dei più comuni disturbi sessuali maschili, infatti, secondo delle statistiche, si stima che circa un uomo su tre o quattro ne soffra. In sostanza l’eiaculazione precoce è una particolare condizione in cui l’uomo, nonostante abbia una buona erezione adatta ad un rapporto sessuale, raggiunge l’orgasmo e la conseguente eiaculazione in tempi molto brevi e dopo una breve stimolazione, portando il rapporto sessuale a termine nonostante non lo voglia e prima che la propria partner abbia raggiunto l’orgasmo. Questo potrebbe comportare a delle conseguente al livello psico-fisico dell’uomo come per esempio vergogna, timore nella coppia, ansia e stress. Clicca qui per approfondire l’argomento.

Attraverso gli esercizi di Kegel è possibile prevenire il disturbo dell’eiaculazione precoce. Gli esercizi consistono nella volontaria contrazione muscolare al livello dei muscoli del pavimento pelvico, ossia l’insieme di muscoli e legamenti che si trovano alla cavità addominale pelvica, i quali risultano indispensabili per il sostengono dell’utero, della vescica, dell’uretra e del retto, e del muscolo pubococcigeo, incaricato principalmente alla regolazione del flusso urinario e al controllo delle vie del parto ma si contrae durante l’orgasmo.
Il vantaggio principale nello sviluppare, senza esagerare, questo muscolo è quello che l’uomo riuscirà a gestire le pulsioni eiaculatorie e di conseguenza ritardando l’orgasmo.

Come eseguire gli esercizi
Gli esercizi di Kegel possono essere praticati in qualsiasi posto e in qualsiasi momento in quanto risultano completamente discreti e si effettuano in questo modo:

  • Prima cosa bisogna svuotare la vescica, eseguirli con la vescica piena potrebbe compromettere e indebolire il muscolo pubococcigeo.

  • Successivamente bisogna contrarre i muscoli del pavimento pelvico per circa 5 secondi

  • In seguito rilasciare i muscoli sempre per lo stesso periodo di tempo facendo attenzione a non muovere né le gambe e né gli addominali

  • Infine è necessario ripetere la serie per circa 10 volte, 3 volte al giorno!
  •