L'informazione sul web

Articoli e approfondimenti sul tema Andrea Riccardi.

Andrea Riccardi: una carriera tra religione, storia e percorsi di pace

 

Per raccontare la carriera e l’impegno sociale di Andrea Riccardi è necessario cominciare con il dire che il suo principale scopo è quello di tracciare un percorso verso una pace duratura e stabile nel mondo. Per riuscire meglio a comprendere questo personaggio, è fondamentale citare alcun dei passaggi più importanti della sua carriera. Un aspetto molto importante da non trascurare riguarda il fatto che Riccardi è titolare di ben tre cattedre in Storia contemporanea di cui due a Roma e una a Bari. Senza alcun dubbio, ad aver attirato più di ogni altra cosa la sua attenzione è stato il Cristianesimo tanto che ha deciso di approfondirlo sia in chiave moderna che contemporanea. A tale riguardo, sono numerose le pubblicazioni a sua firma che non hanno fatto alcuna difficoltà a diventare delle vere e proprie pietre miliari sia in ambito accademico che per tutti coloro che hanno voluto approfondire l’argomento. Inoltre, durante la sua carriera il professor Riccardi è stato insignito di moltissimi riconoscimenti, come, a titolo puramente esemplificativo, varie lauree honoris causa come quella dell’Università Cattolica di Lovanio o quella dell’Università di Augsburg.

Una cosa è certa: Andrea Riccardi passerà alla storia anche per aver fondato la Comunità di Sant'Egidio. La data di fondazione risale al 1968 ed ha segnato un vero e proprio punto di svolta sia nella vita dello storico che nell'intera società. La Comunità di Sant'Egidio è nata allo scopo di riuscire ad avviare percorsi volti al dialogo tra i popoli al fine di raggiungere una pace stabile e duratura e mettere finalmente fine ai conflitti che affliggono il mondo. Proprio per questo suo slancio pacifista, Riccardi ha ricoperto anche un ruolo chiave nella mediazione in alcuni conflitti rilevanti come, ad esempio, quello in Mozambico, Guinea o quello in Guatemala. A tale riguardo, è interessante anche fare presente che questo suo impegno gli è valso la nomina nella lista degli eroi d’Europa, una classifica stilata dal Time nel 2003 in cui sono stati citati tutti gli uomini che si sono impegnati nel veicolare i valori dell’Europa unita nel mondo.

Tra gli aspetti da non trascurare della carriera dello storico Andrea Riccardi ci sono anche le sue numerose collaborazioni con quotidiani e periodici di rilievo nazionale come, ad esempio, il Corriere della sera. Come detto in precedenza, l’ambito di studio che più di ogni altro è stato approfondito da Riccardi è quello della Chiesa. Tra le pubblicazioni a riguardo ci sono Governo carismatico e I cristiani del novecento, entrambi testi editi da Mondadori. L’approccio di Andrea Riccardi con la Chiesa è stato graduale. Nato da una famiglia laica, nel corso del tempo vi si è approcciato e ne ha studiato le dinamiche oltre che la storia, alla ricerca della sua influenza nella società e negli equilibri internazionali. Grazie al suo constante impegno sociale, nel 2009 gli è stato conferito anche il prestigioso premio Carlo Magno, un riconoscimento arrivato ancora una volta per dare lustro alla s ua azione finalizzata a costruire la pace tra i popoli ed un dialogo solido e duraturo. Nel 2015, infine, è stato nominato presidente della Società Dante Alighieri, un’organizzazione nata per raccontare nel mondo le tradizioni, la storia, la lingua e la cultura italiana.